1. Home
  2. Blog
  3. Eventi e Tendenze
  4. MWC 2019 Barcelona

Mobile World Congress 2019 Barcellona

Le ultime tendenze del settore presentate alla fiera più grande del mondo dedicata alla telefonia mobile a Barcellona. Qui puoi scoprire tutte le novità!

En 2019, les smartphones pliables et la 5G sont au cœur du plus grand rendez-vous du secteur de la téléphonie mobile.

Tutto si può piegare. Il Mobile World Congress offre una serie di novità e non sono stati pochi i produttori che hanno presentato i loro primi smartphone pieghevoli - o forse dovremmo parlare di tablet che si possono trasformare il smartphone? Huawei si accoda a Samsung, che lo scorso mercoledì, in occasione della festa per il 10° compleanno del Galaxy, ha presentato la sua interpretazione del futuro pieghevole, il Galaxy Fold. E poi si è parlato di 5G, 5G e ancora 5G. Oppo ha annunciato una partnership con Swisscom finalizzata a portare sul mercato svizzero il primo telefonino 5G entro questa estate. Ma in pratica, per te, che cosa vuol dire 5G? L'attuale rete 4G ti permette, nel migliore dei casi, di navigare con una velocità di 150 megabyte al secondo. Il 5G promette 3 gigabyte al secondo, il che significa che sarà 20 volte più veloce!

In questo contributo ti presentiamo tutte le novità dei migliori produttori come Huawei, Nokia e Sony, e interessanti sorprese di alcuni newcomer.

Energizer, martedì ore 16:00

Energizer POWER MAX P18K POP e Power Max P8100S

Surprise! Energizer non solo presenta la batteria più grande del mondo, ma segue Samsung e Huawei con un proprio smartphone pieghevole!

Energizer è noto soprattutto come marchio di batterie, ma da un paio di anni con questo brand si producono anche telefoni cellulari.

Ora il POWER MAX P18K POP risolve l'annoso problema della durata troppo breve della batteria. Questo smartphone Android offre un'incredibile capacità della batteria di 18'000 mAh grazie alla quale il telefonino dovrebbe resistere circa tre volte in più rispetto ai migliori dispositivi proposti finora da Apple, Samsung o Huawei. Con un utilizzo normale nella vita quotidiana il dispositivo, secondo le informazioni del produttore, avrebbe un'autonomia pari addirittura a 5-6 giorni. Lo svantaggio è lo spessore del telefonino dovuto proprio alle grandi dimensioni della batteria. La scelta sta a te: puoi volerlo comunque per vantartene o magari tenerlo nello zaino. La batteria si ricarica tramite una connessione USB di tipo C integrata e supporta anche il Fast Charging.

Purtroppo l'unica caratteristica degna di nota è la batteria, perché il resto della tecnologia è nella media. Questa "batteria" multifunzionale da 6.2 pollici con il formato 18:9 lavora con un processore MediaTek Helio P70 e offre 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione. Offre una connettività LTE e utilizza il sistema operativo Android 9.

Il Power Max P18K Pop ha uno schermo sostanzialmente senza bordi e dispone di una fotocamera tripla sul retro (12, 5 e 2 megapixel) e di una fotocamera frontale "a scomparsa" da 16 e 2 megapixel per i selfie.

Nel complesso uno smartphone molto interessante. Particolare, ma interessante.

Anche lo smartphone pieghevole di Energizer cattura davvero l'attenzione. Il Power Max P8100S dispone anch'esso di una batteria notevole, che con 10'000 mAh surclassa i migliori smartphone visti finora degli altri produttori.

Le dimensioni dello schermo aperto definiscono un nuovo standard. Il display misura 8.1 pollici (a titolo di confronto: lo smartphone pieghevole di Huawei misura 8 pollici) nel formato 4:3. Lo schermo esterno misura 6 pollici, con un formato di 18:9.

È compatibile con lo standard 5G e ha una fotocamera posteriore da 12 megapixel e una anteriore per i selfie da 24 megapixel.

In questa "batteria" dual sim pieghevole è integrato un chip Snapdragon 855; il dispositivo ha una RAM da 8 GB e una memoria interna da 256 GB.

Per ora si tratta di un prototipo - dovrebbe arrivare sul mercato solo a fine 2019. Siamo curiosi di vedere se succederà davvero!

HTC, martedì ore 14:00

HTC Vive Eye

Il nuovo HTC Vive Eye è già stato presentato al CES e sostituisce HTC Pro. Questo visore per la realtà virtuale, come dice il nome, supporta l'Eye Tracking: traccia infatti i movimenti dei tuoi occhi offrendo nuove possibilità di applicazione.

Vivo, martedì ore 13:00

Vivo V15 Pro

Vivo presenta il V15 Pro con una tecnologia interessante per i piccoli portafogli. Il dispositivo ha un display OLED da 6.4 pollici completamente full screen, quindi senza notch o altre rientranze. Ciò è reso possibile dal fatto che la fotocamera è a scomparsa e scorre al di sopra del bordo solo quando viene utilizzata. E con quali risultati! La fotocamera per selfie da 32 megapixel garantisce foto straordinarie. Sul retro inoltre è integrata una fotocamera tripla da 48, 4, 8 e 5 megapixel.

Il processore è lo Snapdragon 675 e il dispositivo è dotato di una RAM fino a 8 GB.

Vivo verrà messo sul mercato a marzo con un prezzo stimato di circa 400.- franchi.

ASPETTANDO IL NUOVO VIVO...

Dove è finito Dennis? L'ho perso di vista per un attimo ed eccolo al truck della Merz. Dennis, vieni anche tu :-) ?

Wiko, martedì ore 11

Wiko View 3 e View 3 Pro

Wiko presenta due nuovi smartphone. View 3 e View 3 Pro sono caratterizzati da una dotazione tecnologica eccellente, come la fotocamera posteriore tripla, nella categoria di base.

Il produttore francese Wiko vuole attirare i clienti con display, autonomia e fotocamera. Ma di cosa sono capaci questi dispositivi?

La tripla fotocamera posteriore con 12, 13 e 5 megapixel scatta bellissime fotografie – anche in formato grandangolare. All'interno del modello Pro il processore Helio P60 di Mediatek offre una memoria RAM di 6 GB. La memoria interna è di 128 GB. Con Helio P22, il View 3 ha 3 GB di RAM anziché 6 GB e anche la memoria interna è ridotta della metà (64 GB).

Entrambi i modelli hanno una normale batteria da 4'000 mAh.

I display misurano 6.3 pollici e hanno una risoluzione HD+.

Una particolarità di entrambi i dispositivi è il colore che si illumina al buio!

Ci aspettiamo che i prezzi del View 3 si attesteranno intorno ai 200.- franchi e del View 3 Pro tra i 250.- e i 300.- franchi.

GIÀ NELL'ASSORTIMENTO:

Ancora uno sguardo a ZTE e per oggi abbiamo finito.

ZTE, lunedì ore 15:00

ZTE Axon 10 Pro

Al MWC la ZTE, con l'Axon 10 Pro, presenta uno smartphone 5G pensato per il gaming e le applicazioni AR.

Come per molte novità, anche qui si utilizza lo Snapdragon 855 di Qualcomm. 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna.

Il display misura 6.47 pollici e ha una risoluzione di 1080 x 2340 pixel.

Sul retro troviamo una fotocamera tripla il cui sensore principale garantisce una risoluzione da 48 megapixel. Abbiamo poi una fotocamera da 20 megapixel e un teleobiettivo da 8 megapixel che offre uno zoom ottico 5X.

Il dispositivo dovrebbe arrivare sul mercato a giugno.

Motorola, lunedì ore 14:00

Motorola Z3

Motorola ha recentemente svelato il Moto Z3. E ora al MWC propone un corrispondente mod 5G.

Ma siamo interessati anche ai mod già noti. In particolare ci sembrano degni di nota il proiettore e il Polaroid Mod.

Alcatel, lunedì ore 13:00

Alcatel 1s

Alcatel presenta un mix di nuovi smartphone nel segmento di base e medio.

L'Alcatel 1s ha un display da 5.5 pollici, una memoria RAM da 3 GB e 32 GB di spazio di archiviazione. Dispone di uno scanner per impronta digitale e utilizza il nuovissimo sistema operativo Android 9 Pie.

APPENA PRESENTATO E GIÀ DISPONIBILE:

Alcatel 3l

Con una spesa leggermente maggiore c'è l'Alcatel 3l con un display un po' più grande da 5.9 pollici. È dotato di dual camera, ma non dello scanner per impronta digitale. Oltre a queste caratteristiche, l'Alcatel 3 ha una potenza di calcolo leggermente superiore e un design moderno. Ancora sotto ai 200.- franchi.

Siamo sbalorditi! Alcatel, un produttore di fascia economica, ci presenta un prototipo del telefonino pieghevole. Non ce lo aspettavamo proprio. Siamo curiosi di vedere se il dispositivo sarà davvero prodotto in serie.

Andando verso Alcatel abbiamo anche fatto una scappata nel mondo mobile cinese. Yeah!

LG, lunedì ore 12:00

G8 ThinQ

LG presenta il G8 ThinQ, nuovo di zecca. Il nuovo dispositivo esternamente si differenzia appena dal predecessore, ma nasconde al suo interno alcune nuove features. La fotocamera anteriore riconosce movimenti, gesti e profondità, e così è possibile impartire comandi con un semplice gesto.

La fotocamera del telefono dispone della tecnologia 3D grazie all'altisonante sensore "Time of Flight", che con l'aiuto della luce a infrarossi riflettente misura la distanza di un oggetto dall'obiettivo. Propone inoltre una modalità di sblocco rivoluzionaria basata sul riconoscimento del sistema venoso della mano.

Lo schermo OLED misura 6.1 pollici ed è nel formato 19.5:9. Il display funge anche da altoparlante ovvero amplificatore, LG lo chiama "Crystal Sound OLED" o CSO. Il display è utilizzato come diaframma che vibrando produce suoni di elevata qualità e precisione. La tecnologia di LG si trova già in alcuni televisori di Sony con schermi OLED e convince con un suono equilibrato e naturale. Un sound a tutto tondo: lo smartphone emula un suono 7.1 grazie alla tecnologia DTS:X-3D surround e utilizzando lo spazio interno dello smartphone come camera di risonanza. Il processore Snapdragon 855 della Qualcomm garantisce la potenza necessaria. Abbiamo poi 128 GB di memoria interna e 6 GB di RAM.

V50 ThinQ

LG non segue la moda del momento degli smartphone pieghevoli. Il telefonino di punta V50 ThinQ ha invece una custodia che aggiunge un secondo schermo da 6.2 pollici. Il V50 è il primo telefonino di LG compatibile con la tecnologia 5G.

GIÀ NEL NOSTRO ASSORTIMENTO:

Sony, lunedì ore 09:30

Xperia 1

Al MWC di Barcellona Sony presenta il nuovo modello top di gamma Xperia 1. Il produttore giapponese regala al suo nuovo flagship un display OLED 4k decisamente allungato da 6.5 pollici nel formato 21:9. Corrisponde più o meno ai monitor Ultra Wide Screen che abbiamo visto sulle scrivanie. Questo formato, particolarmente adatto per la visione di film e video, offre interessanti prospettive, infatti le barre nere in alto e in basso del video scompaiono completamente.

La fotocamera tripla con modulo per grandangolo, zoom e super-grandangolo garantisce fotografie e video di eccellente qualità. Xperia 1 utilizza il nuovissimo processore della Qualcomm, il potente Snapdragon 855, e il sistema operativo Android Pie One. Ha oltre 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna che può essere ampliata fino a 512 GB con una scheda SD. Il display e il retro sono realizzati in Gorilla Glas della Corning. Sarà disponibile a partire da inizio giugno al prezzo di 1099.- franchi.

Xperia 10

Xperia 10 ha anch'esso un display nel formato 21:9, che però ha una dimensione leggermente inferiore di 6 pollici. Particolarmente pratico: insieme a un nuovo formato questi dispositivi hanno anche una funzione multitasking. Una soluzione davvero interessante per l'utilizzo contemporaneo di due applicazioni. Guarda il nostro test:

Il Sony Xperia 10 dispone di un sistema dual camera con 13 e 5 megapixel. Gli amanti dei selfie troveranno pane per i loro denti con la fotocamera frontale da 8 megapixel.

All'interno lavora un processore Snapdragon 630 con 3 GB di RAM. Il dispositivo ha oltre 64 GB di memoria interna che può essere ampliata fino a 512 GB con una scheda SD. Xperia 10 nella variante dual SIM è disponibile nei colori black, silver e navy.

Xperia 10 Plus

Come il fratellino minore, la variante Plus ha un display nel formato 21:9. Nella versione Plus però misura 6.5 pollici.

La dual camera scatta fotografie con 12 e 8 megapixel ed è dotata di uno zoom ottico 2X.

All'interno lavora il processore della Qualcomm Snapdragon 636 con 4 GB di RAM. Anche la variante Plus ha una memoria interna da 64 GB che può essere ampliata a 512 GB con una scheda SD. Xperia 10 Plus è disponibile nei colori black e navy nella variante dual SIM.

Xperia L3

Sony ci presenta anche un nuovo modello base. Questo dispositivo con dual camera (13 e 2 megapixel), un display da 5.7 pollici e 3 GB di RAM sarà disponibile in Svizzera a partire da inizio aprile, al prezzo di 199.- franchi.

Microsoft, domenica ore 16:00

Al MWC Microsoft presenta la seconda generazione delle HoloLens. Il nuovo visore è più leggero e comodo da indossare. Il campo visivo è doppio rispetto al modello precedente. Grazie al sensore di profondità, il visore può proiettare senza problemi tutti i possibili oggetti e si può comandare con le dita. Abbiamo fatto un altro passo verso la Augmented Reality. Le HoloLens. che costano la bellezza di 3'500.- franchi. rimangono un oggetto per i geeks, gli sviluppatori e gli imprenditori.

Nokia Keynote, domenica ore 16:00

Anche Nokia non si lascia scappare l'opportunità di farsi vedere al Mobile World Congress di Barcellona - e arriva con uno zaino pieno di interessanti novità di ogni tipo. Presenta diversi dispositivi nel segmento di base, tra cui il Nokia 210 e il Nokia 1 Plus. Ma anche i nuovi arrivati della classe media, il Nokia 3 e il 4 e in particolare l'attuale flagship, il Nokia 9 PureView, incantano i fan della telefonia mobile.

Nokia 210

Nokia 210 Con il Nokia 210, il marchio Nokia anche nel 2019 punta su telefoni semplici ed economici. Con il feature phone 210 di Nokia puoi navigare nella rete e scaricare giochi e video. Il dispositivo, con solo una connessione Internet 2G, nell'Europa occidentale non andrà sul mercato in ragione della bassa domanda. Peccato.

Nokia 1 Plus

Nokia ci presenta il Nokia 1 Plus, la sorella maggiore del modello base Nokia 1. Questo smartphone ha un display da 5.45 pollici. La fotocamera scatta fotografie a 8 megapixel e la fotocamera anteriore a 5 megapixel. Questo telefonino utilizza la versione 9 Pie (Go Edition) di Android.

Il dispositivo sarà disponibile per soli 100 - 130 franchi nei colori rosso, nero e blu.

Nokia 3 e 4

Con il Nokia 3 e 4, Nokia presenta due dispositivi del segmento medio. Hanno già schermi piuttosto grandi con fotocamera integrata nel design notch. Entrambi i dispositivi dispongono di un pulsante per l'assistente Google.

Nokia 9 PureView

Il 9 PureView di Nokia mette in primo piano la fotocamera. Non meno di cinque lenti Carl-Zeiss sono una vera sfida alla concorrenza. La cosiddetta penta camera scatta 5 fotografie contemporaneamente permettendoti di modificare il focus successivamente. Grazie alla combinazione delle immagini ottieni inoltre maggiori dettagli.

Il Nokia 9 non ha invece il processore di nuova generazione di Qualcomm, ma il modello dell'anno precedente, lo Snapdragon 845, che è affiancato da una memoria RAM da 6 GB. La memoria interna è da 128 GB.

Il display OLED misura circa 6 pollici nel formato 18:9 e offre una risoluzione 2K.

Un'esperienza incredibile:

Huawei Keynote, domenica ore 14:00

Il CEO Richard Yu sale sul palco. Richard ci illustra la crescita di Huawei negli ultimi anni. Nel 2018 Huawei ha registrato un fatturato di oltre 52 miliardi di dollari e ha venduto oltre 206 milioni di dispositivi. Le statistiche sono chiare. E non ha intenzione di fermarsi. Si è già partiti con i nuovi prodotti della casa Huawei.

Huawei Matebook X Pro

Il Matebook è disponibile nei colori Space Grey e Mystic Silver. Il chassis è interamente in alluminio. Il modello X Pro non solo è leggerissimo, ma anche molto sottile. Con uno spessore di 14.6 millimetri è più sottile (0.3 mm) del MacBook Pro 13". Il display touch offre un formato 3:2 e una risoluzione da 3000 a 2000 pixel.

All'interno il processore Intel Core di ottava generazione di Intel. Alla performance grafica pensa il chip Nvidea GeForce MX250. Il pulsante di accensione è dotato di sensore per impronta digitale e il Quad Speaker su tutti gli spigoli del notebook garantisce un'eccellente qualità del sound.

Un'altra peculiarità caratteristica dei dispositivi Huawei di nuova generazione è la soluzione, propria dell'azienda, per la condivisione di documenti, fotografie e video, una funzione che Huawei ha battezzato "Huawei Share One Hop". Basta appoggiare lo smartphone sul laptop per avviare il trasferimento dei dati grazie al riconoscimento tramite tecnologia NFC. Nella demo live nel giro di pochi secondi sono state trasferite fotografie dallo smartphone al notebook. Un'altra nuova funzione si chiama "Clip Board Sharing", che permette di utilizzare la funzione copia-incolla tra diversi dispositivi. Copia qualcosa sul tuo smartphone e incollala direttamente sul tuo notebook, o viceversa. Troviamo queste nuove funzioni molto pratiche e speriamo che altri produttori lavoreranno in questa direzione.

Huawei Matebook 13 e 14

Huawei presenta una nuova serie di notebook con i semplici nomi Matebook 13 e Matebook 14. I numeri 13 e 14 rappresentano le dimensioni in pollici dei display.

Particolarmente interessante è la fotocamera che esce dalla tastiera solo quando serve, così puoi essere certo che nessuno possa osservarti quando la fotocamera è chiusa.

Quattro batterie garantiscono una lunga durata di funzionamento. E non dimentichiamo le interfacce: USB 2.0 e 3.0, USB tipo C, connettore jack 3.5 e HDMI.

Eccolo: il Mate X di HUAWEI!

Il primo smartphone pieghevole di Huawei. Il display misura 6.6 pollici davanti e 6.38 pollici sulla parte posteriore. Solo quando è aperto si rivela la reale dimensione del nuovo Huawei Mate X. Il display da 8 pollici e una risoluzione di 2480 x 2200 pixel è incredibile e mette in ombra il Samsung Galaxy Fold da 7.2 pollici.

Il pulsante per l'impronta digitale per lo sblocco del telefonino si trova sul lato. Il design Falcon Wing con oltre 100 componenti, come spiega Yu, è in fase di sviluppo da 3 anni e permette di ripiegare perfettamente lo smartphone. Da chiuso ha uno spessore di "solo" 11 millimetri, quindi per essere uno smartphone pieghevole è decisamente sottile.

Il display pieghevole permette al Mate X di lavorare con un solo sistema per la fotocamera. La fotocamera 3X integrata è quella che già abbiamo conosciuto con il Mate 20 Pro. Poiché lo schermo si piega in due, la selfie camera è anche quella principale. Lo schermo "su due lati" serve anche come specchio durante lo shooting.

Chi l'avrebbe immaginato? Anche il Mate X di Huawei supporta il 5G. Il dispositivo utilizza a tale scopo il chip Balong 5000 e il Kirin 980. Grazie al doppio chip è possibile combinare la potenza del 4G e del 5G.

Il Mate X ha una memoria RAM da 8 GB e una memoria interna di 512 GB.

Il grande schermo consuma parecchio e per questo Huawei ha regalato al Mate X 2 batterie per un totale di 4500 mAh. Le batterie si caricano velocemente con 55 Watt grazie alla Super Charge. Il Mate X si ricarica dell'85% in meno di mezz'ora.

Strepitoso! Questo gioiellino costerà 2'299.- euro, quindi di più rispetto al Galaxy Fold, che costerà intorno ai 2'000.- euro.

Il Mate X dovrebbe arrivare sul mercato a metà 2019.

Xiaomi Keynote, domenica ore 10:30

La conferenza stampa inizia e ci accoglie una calorosa "Hola".

Per la prima volta nella storia dell'azienda, Xiamoi presenta uno smartphone al Mobile World Congress. Pochi minuti fa il Senior Vice President Wang Xiang e il Director Product Management Donovan Sung hanno presentato i loro nuovi highlight al pubblico europeo presente a Barcellona. Con la sua orgogliosa mentalità "We make it happen" la giovane azienda parla chiaro: grazie al loro nuovo nato il 5G diventerà realtà.

Prima di tutto Xiaomi ci illustra cifre stupefacenti. In soli 4 anni l'azienda ha ottenuto un fatturato di 10 miliardi di dollari registrando una strabiliante crescita del 40% all'anno. L'azienda non produce però solo smartphone, ma anche smart watches e TV; e scooter elettrici di cui nel 2018 ha venduto oltre 500'000 unità. Davvero notevole!

Smart Home Nel settore dell'Internet delle cose (IoT) Xiaomi sottolinea in particolare le sue partnership con IKEA e Philips e dichiara che i prodotti Ecosystem di Xiaomi sono presenti già in oltre 132 milioni di case. Per illustrare le caratteristiche di questi eccellenti dispositivi IoT, Wang Xiang dimostra live sul palco la loro applicazione in una casa. Ma tutti conosciamo la legge di Murphy, e anche in questo caso non tutto funziona perfettamente. Quello che ha funzionato è stato però molto divertente e nello stesso tempo stupefacente. Le luci si accendono quando si apre la porta, si attenuano semplicemente sfiorando lo smartphone e con un altro tocco cambiano colore. Invece Google non ha capito i comandi vocali di Xiang per le finestre (che sia colpa del "cinglese"?). Dopo un paio di tentativi vani, si arrende.

5G grazie allo Snapdragon di Qualcomm

La tensione sale: Xiaomi arriva al 5G. Più velocità, un minore tempo di latenza e l'ampliamento dei dispositivi IoT che supportano il 5G – tutto grazie all'aumento della connettività. La tendenza è verso un sempre maggior numero di dispositivi che comunicano tra loro. Per sottolineare l'importanza dell'annuncio, Wang Xiang chiama sul palco il presidente di Qualcomm, Cristiano Amon (noi abbiamo avuto la possibilità di ascoltarlo già ieri in occasione della keynote di Oppo).

Amon racconta come il 5G cambierà le abitudini di consumo. Produttività, entertainment, gaming e comunicazione si trasformeranno e i cloud services grazie alla connettività e al ridotto tempo di latenza conquisteranno il mondo IoT. Le app non lavoreranno più a livello locale sui dispositivi, ma comanderanno le utenze finali dalla rete. Ciò permetterà nuove applicazioni nel machine learning e nella connettività. Ancora una volta lo Snapdragon 855 è al centro dell'attenzione perché sarà lui a trasformare in realtà questo potenziale.

Ci siamo! Danovan Sung, direttore del product management, sale sul palco. La tensione è alle stelle, nell'attesa di ciò che seguirà.

Mi Mix 3 5G Danovan Sung presenta il Mi Mix 3 5G. Anche questo dispositivo utilizza lo Snapdragon 855 e il modem 5G x50, e grazie al 5G e alla microarchitettura Kryo 485 promette velocità di download incredibili. Lo smartphone si basa sul dispositivo attuale, e per quanto riguarda l'aspetto esterno le differenze sono minime. Il display e la fotocamera rimangono anch'essi invariati e il dispositivo dispone del noto pulsante per l'assistente Google. Sarà disponibile a partire da maggio nei colori Onyx Black e Saphir Blue. Il prezzo di lancio di 599.- euro a nostro avviso è davvero equo per uno smartphone 5G.

Mi 9

In Cina Xiaomi ha già presentato il suo nuovo prodotto di punta Mi 9. Come si prevedeva, Xiaomi ora lo presenta anche al pubblico europeo in occasione del MWC di Barcellona. Il Mi 9 si sblocca dal display grazie a un sensore di impronta digitale.

Ha un processore Snapdragon 855, una RAM di 6 GB e una memoria interna da 64/128 GB. Il display full screen (19.5:9 AMOLED) misura 6.39 pollici e ha un design curvo con una risoluzione a 1080 x 2340 pixel. Il dispositivo pesa 173 grammi e ha uno spessore di 7.61 millimetri.

Stupefacenti sono anche i diversi colori. Ufficialmente è disponibile nei colori Ocean Blue, Lavender Violet e Piano Black. Ma, grazie alla tecnologia laser nanometrica e a un rivestimento a due strati, il Mi 9 assume tutti i colori dell'arcobaleno. Così a seconda della posizione dello smartphone e della luce si avrà sempre un diverso accento di colore.

La novità di Xiaomi ha inoltre una fotocamera tripla fino a 48 megapixel e un'apertura focale f/1.8. Il sistema della fotocamera è protetto con resistente vetro Saphir. La lente superiore è da 12 megapixel con uno zoom ottico 2X. La lente da 48 megapixel garantisce immagini ad alta risoluzione. E se in occasione di un sightseeing tour ti trovassi troppo vicino all'oggetto per scattare una foto ottimale, potrai sfruttare la funzione grandangolare da 16 megapixel (117°). A completare le funzioni legate alla fotografia abbiamo la fotocamera anteriore da 20 megapixel con un'apertura focale f/2.2 – per gli amanti dei selfie.

Anche per quanto riguarda la ricarica questo smartphone è un passo avanti: il Mi 9 può essere ricaricato in modalità wireless con 20 Watt e un Turbo Charger. In tal modo la batteria, un po' piccolina, da 3300 mAh si ricarica completamente in 90 minuti.

Oppo Keynote, sabato 14:00

Oppo presenta e consegna: già all'inizio di quest'anno il produttore cinese aveva annunciato che avrebbe portato sul mercato un telefonino con zoom ottico 10X. Al Mobile World Congress 2019 di Barcellona Oppo ne ha presentato un primo prototipo.

La fotocamera periscopio

La fotocamera del nuovo smartphone di Oppo ha un'incredibile risoluzione da 48 megapixel e supporta un'apertura focale dai 16 ai 160 millimetri. La fotocamera utilizza tre lenti, due delle quali con stabilizzazione ottica.

"Il 5G è arrivato!"

Le voci dicono che il telefonino 5G di Oppo sarà il primo a raggiungere il mercato svizzero. Oppo sta lavorando allo sviluppo del suo smartphone 5G in stretta collaborazione con Qualcomm e conferma l'utilizzo del processore Snapdragon 855 che supporta il G5. Oppo annuncia inoltre le sue partnership 5G, tra le altre quella con Swisscom! Si tratta solo di capire quando.

GIÀ NEL NOSTRO ASSORTIMENTO:

Arrivo al MWC 2019 di Barcellona

MWC ... arriviamo

...o forse no. Dennis passa dal riconoscimento facciale automatico e l'apertura non è proprio immediata... La sicurezza ha la massima priorità. Vediamo poliziotti con mitragliette all'ingresso e anche all'interno uomini della sicurezza pattugliano incessantemente i locali. C'è anche un elicottero della polizia che vola in circolo sull'area. Ci sentiamo sicuri :-/