Guida all'acquisto schede grafiche

La scheda grafica è un fattore importante per le prestazioni di un PC. L'eventuale presenza di un acceleratore grafico rapido si nota nei giochi, nelle applicazioni 3D e nei filmati Ultra-HD. La scelta è enorme e sono disponibili diversi modelli per diversi campi di applicazione. Questa consulenza all'acquisto ti aiuterà a trovare la scheda grafica che fa per te.

Le schede grafiche sono tra gli elementi hardware che permettono maggiormente di migliorare le prestazioni di un PC. Pochi altri componenti sono soggetti a uno sviluppo così rapido. Per goderti a pieno la grafica di un PC, la scheda grafica è particolarmente importante e, dato che gli acceleratori di pixel sono disponibili sotto forma di pratiche schede da inserire e integrare in un comune PC con poche operazioni, non c'è nulla che ti impedisca di fare un upgrade di questo tipo.

Cos'è una scheda grafica?

La scheda grafica è un componente importante dei moderni computer, responsabile della rappresentazione delle immagini sullo schermo. L'interfaccia grafica del sistema operativo, documenti, foto, filmati, in altre parole tutto ciò che visualizzi sul monitor ha origine dalla scheda grafica. La scheda grafica elabora i dati forniti dal processore centrale, ne ricava tramite calcoli informazioni visive, che trasmette allo schermo collegato tramite un'interfaccia.

Si utilizzano spesso schede grafiche da integrare nell'apposito slot nel case del computer (il termine tecnico è «scheda grafica dedicata») e schede grafiche integrate, denominate anche schede onboard. I modelli da inserire nello slot sono di norma più potenti e offrono maggiori possibilità di collegamento per schermi, proiettori e televisori. Nella versione integrata l'adattatore grafico è incluso nel processore centrale (CPU) del PC desktop o notebook. La grafica può essere quindi calcolata nello stesso chip. Esistono anche varianti in cui il chip grafico è collocato sulla mainboard, ossia la scheda madre.

Gli adattatori grafici integrati sono diffusi soprattutto nei PC domestici o da ufficio di fascia economica. Nei notebook le schede grafiche di questo tipo aiutano a risparmiare spazio ed energia. Lo svantaggio dei modelli onboard è il seguente: sono adeguati solo in parte per i videogiochi in 3D, i video in 4K e gli schemi ad alta definizione. Alcuni modelli impiegano parte della memoria di lavoro del PC, a svantaggio della velocità del sistema. Nei PC desktop è facile disattivare le schede onboard e sostituirle con un modello da inserire.

Come funziona una scheda grafica?

Una moderna scheda grafica è composta sostanzialmente dal processore grafico (Graphics Processing Unit – in breve GPU), dalla memoria video (RAM video), da un'unità di raffreddamento e da diverse uscite video sul retro. I singoli componenti sono montati su una scheda dotata di un inserto per l'inserimento nel PC.

La GPU è il cuore dell'adattatore grafico. Elemento chiave all'interno di una scheda, con i suoi «core» è in grandissima parte responsabile della velocità dei calcoli grafici. Nella RAM video il processore grafico memorizza per breve tempo tutti i dati rilevanti per la grafica, tra cui ad esempio elementi 3D, texture e dati vettoriali. Al confronto con la memoria di lavoro del PC, i chip di memoria sulla scheda grafica lavorano a frequenza più elevata. Di conseguenza la portata dei dati è maggiore e i calcoli avvengono quindi più rapidamente. In caso di procedure di calcolo complesse, il processore grafico può memorizzare rapidamente nella RAM video il traffico di dati che ne deriva e leggerlo nuovamente da quella posizione.

A causa delle elevate prestazioni i chip grafici diventano davvero bollenti. Senza unità di raffreddamento una moderna scheda grafica non vivrebbe a lungo. Il raffreddamento avviene in maniera passiva attraverso un dissipatore o in maniera attiva attraverso un dissipatore e una o più ventole. L'abbassamento attivo della temperatura tramite ventole è un sistema particolarmente efficiente, ma non del tutto silenzioso. La ventola gira tuttavia ad alto regime solo quando viene richiesta la massima potenza della scheda grafica.

Le uscite video trasmettono al monitor l'immagine finale calcolata. HDMI, DVI e DisplayPort (DP) sono uscite importanti che si utilizzano spesso. Hai bisogno della vecchia VGA a 15 poli (in gergo tecnico: D-Sub), che in passato era lo standard per le schede grafiche, solo se desideri collegare un monitor analogico che non dispone di altre uscite.

Quando ho bisogno di una nuova scheda grafica?

Quando i giochi non girano affatto o girano sul tuo PC solo a scatti, il problema si può risolvere normalmente con un aggiornamento della scheda grafica. Anche i rallentamenti durante la riproduzione dei filmati in HD o un'immagine del monitor scalata male sono spesso riconducibili alla scheda grafica. Il più delle volte basta sostituire la scheda con un modello recente. Ecco una panoramica dei motivi principali per cui procurarsi una nuova scheda grafica:

Giocare in modo piacevole:

di norma, i chip grafici integrati nel processore o sulla scheda madre non sono sufficienti per giochi con requisiti elevati. Solo con le schede grafiche moderne puoi gustarti i giochi appieno. Quanto più potente è la scheda grafica, tanto maggiore è la precisione con cui è in grado di calcolare la luce, l'ombra e i gradienti di colori a risoluzioni elevate.

Per questo motivo, una nuova scheda grafica risulta interessante per gli utenti che desiderano sequenze di gioco realistiche con una grande ricchezza di dettagli. In questo modo i giochi in 3D molto veloci, le simulazioni di corse automobilistiche, gli «sparatutto» in prima persona e i giochi di azione sembrano più belli e realistici.

Elaborazione delle immagini e video editing:

nel frattempo le schede grafiche sono diventate così potenti che, oltre a occuparsi all'uscita monitor, possono svolgere anche mansioni di calcolo proprie del processore centrale. In questo modo diminuisce il carico sulla CPU e si migliorano le prestazioni di calcolo dell'intero sistema. Nell'elaborazione video e dell'immagine, una nuova scheda grafica permette di ottenere maggiore velocità, ad esempio quando si impiegano filtri nei programmi Adobe Photoshop, Premiere Pro e After Effects. I tempi di attesa in fase di encoding in Premier si riducono notevolmente.

Riproduzione di filmati:

quando si riproducono video in 4K su uno schermo Ultra-HD o su una Smart TV, i PC con una scheda grafica obsoleta vengono spinti al limite. La sostituzione della scheda grafica trasforma il PC in una macchina multimediale in grado di farti godere filmati fluidi ed estremamente nitidi.

Utilizzo con più monitor:

a una scheda grafica di livello più elevato è possibile collegare da due a quattro schermi. In questo modo puoi ingrandire la superficie di lavoro di Windows. Nelle applicazioni beneficerai quindi di una vista più ampia, potrai gestire con maggiore efficienza documenti o foto di grandi dimensioni e immergerti nei giochi con maggiore intensità.

Applicazioni 3D:

programmi di grafica professionali come Cinema 4D, Blender o 3ds Max trasferiscono sempre più spesso il carico per il rendering sulla GPU. Chi dispone di una scheda grafica rapida risparmia molto tempo.

Errori di visualizzazione:

problemi nella visualizzazione sul monitor possono indicare la necessità di un aggiornamento della scheda grafica. Se, nonostante il cavo di collegamento sia appropriato e il driver sia aggiornato, il tuo nuovo schermo non mostra un'immagine ottimale, probabilmente la scheda grafica presente non è appropriata per la risoluzione richiesta e per la frequenza di aggiornamento.

PC assemblato:

senza scheda grafica lo schermo resta nero. Chi desidera assemblare autonomamente il proprio nuovo PC e opta per una scheda madre senza unità grafica integrata ha bisogno di una scheda grafica.

In caso di guasto:

come qualsiasi componente del PC, anche una scheda grafica può rompersi. La sostituzione del modello precedente con una nuova scheda risolve il problema.

Mining e decrittazione della password:

le attuali schede grafiche, grazie allo specifico design del proprio chip, sono in grado di eseguire attività matematico-finanziarie e statistiche con rapidità molto maggiore rispetto ai processori del PC stesso. Puoi sfruttare l'elevata capacità di calcolo per il mining di valute digitali come il bitcoin. La scheda grafica riduce il carico sul processore centrale anche durante la decifratura di password.

Come faccio a trovare la scheda grafica giusta?

I produttori di schede grafiche sono diversi, come AMD, Asus, Gigabyte, MSI, NVIDIA, PHY Technologies o Sapphire. I loro prodotti si basano principalmente su chip grafici delle aziende AMD e NVIDIA. Entrambi i produttori dispongono nella propria gamma di modelli che rientrano in più classi di potenza confrontabili tra loro. Puoi pertanto scegliere tra diverse varianti a seconda delle esigenze di performance. Tra l'altro, la scelta tra una scheda AMD o NVIDIA non è una questione emotiva.

Nella miriade di schede grafiche non è facile farsi un'idea complessiva. Abbiamo pertanto ordinato i modelli nello shop in base al proprio scopo d'uso principale. Nella colonna a sinistra, in corrispondenza di Tipo di prodotto puoi selezionare lo scopo per cui vorresti utilizzare principalmente la tua nuova scheda grafica, ad es. per gaming, multimedia o applicazioni high-end.

In genere, con le schede grafiche vale il principio secondo cui i modelli più costosi siano più equipaggiati delle varianti economiche. Per AMD e NVIDIA puoi riconoscere la classe di potenza già dal nome del prodotto: quanto più elevato è il numero in coda alla denominazione del modello, tanto più potente è la scheda.

Modelli per principianti:

nelle schede grafiche per principianti l'aspetto principale è il prezzo di acquisto accessibile. La performance complessiva è ridotta e l'idoneità ai giochi è ridotta. Le schede per principianti si addicono soprattutto ad applicazioni Office e Internet e per i PC più vecchi.

Modelli di livello intermedio:

le schede grafiche di livello intermedio offrono buone prestazioni a un prezzo equo. Gestiscono anche monitor 4K ad alta definizione e forniscono il segnale a due schermi. Oltre che per Office e Internet, queste schede si addicono anche ad applicazioni multimediali, come il miglioramento di foto, video HD, streaming, molti giochi recenti e software specialistici.

Schede grafiche per il gaming:

le schede grafiche ottimizzate per i giochi sono dotate di più «core», di una memoria più rapida e processore con turbo boost. Con questo tipo di scheda potrai goderti i giochi per PC più recenti senza limiti, con spettacolari effetti luminosi, di colore e HDR. Questi modelli sono ottimi per i giochi con grande contenuto di azione, elevate risoluzioni e applicazioni VR (Virtual Reality).

Schede grafiche workstation e CAD:

queste schede grafiche idonee anche all'uso professionale offrono prestazioni elevate e durature. Si contraddistinguono per un particolare supporto driver per applicazioni di grafica, 3D e video popolari.

Schede grafiche high-end:

la gamma di funzioni dei modelli di punta è in grado di esaudire tutti i desideri. Non si potrebbe avere di più! La loro performance complessiva è imbattibile e l'idoneità ai giochi copre tutti i generi con la massima ricchezza di dettagli. Grazie alla loro potenza di calcolo, le schede high-end si addicono anche al mining di valute virtuali come Bitcoin o Ethereum. Il mining è una complicata procedura di calcolo attraverso la quale, tramite algoritmi software, sul tuo PC si creano crypto-coin, ossia denaro virtuale. In qualità di miner ricevi una ricompensa sotto forma di quote di coin (blockreward).

Di quali dotazioni dispongono le schede grafiche?

I filtri nella colonna sinistra dello shop ti aiutano nella scelta di un determinato modello. Qui puoi selezionare ad esempio la capacità di memoria e i collegamenti video di cui deve disporre la nuova scheda grafica. Inoltre, puoi indicare se preferisci un sistema di raffreddamento attivo, e quindi con una forte ventilazione, o passivo, quindi poco rumoroso.

Quantità di memoria: la quantità di memoria (capacità di memoria) influisce sulle prestazioni complessive di una scheda grafica.

Frequenza: processore grafico e memoria video lavorano ad una determinata frequenza, che può raggiungere i 700 MHz per il processore dei modelli per uso Office e superare 10'000 MHz per la RAM video delle schede high-end.

Tipo di collegamenti: le schede grafiche attuali dispongono di un collegamento PCI-Express (PCIe) versione 2.0, 2.1 o 3.0. Grazie alla retrocompatibilità, una scheda PCI-Express 3.0 funziona anche con un PC munito di slot PCIe-2.0. Oltre al numero di versione del PCIe, è importante anche il tipo di collegamento (interfaccia) alla mainboard). Di solito si tratta di PCI Express x16. Il manuale della scheda madre indica quale collegamento sia presente.

Dimensioni: le dimensioni indicano l'altezza della scheda grafica e pertanto il suo spessore. L'altezza standard è quella delle schede grafiche single slot, le quali occupano un solo slot dell'interfaccia nel case. Normalmente questi modelli si adattano bene anche in un case per PC compatto. Le schede grafiche più potenti, la cui resa sui pixel è in grado letteralmente di stupire, sono più tecnologiche e montano una ventola più grande. Queste schede occupano quindi due o più slot e sono troppo alte per un case che offre spazio limitato. Per i case per mini-PC esistono schede grafiche low profile con altezza dimezzata.

Funzionamento in parallelo: se desideri ottenere prestazioni grafiche massime, puoi dotare il tuo PC di due schede grafiche da far funzionare parallelamente. A questo proposito, hai bisogno di due modelli identici della serie AMD CrossFireX o Nvidia SLI.

Suggerimento:

di norma, con le schede grafiche il cavo di collegamento non è incluso. È consigliabile ordinare subito contemporaneamente il cavo necessario.

Come si monta una scheda grafica?

Il montaggio di una nuova scheda grafica non è un'operazione complicata e si porta a termine in 15 minuti. Basta seguire i seguenti passaggi e nulla andrà storto.

Iniziamo dall'attrezzo giusto: per il montaggio hai bisogno principalmente di un cacciavite a croce di media grandezza. È utile utilizzare una pinzetta per pescare nuovamente le viti che dovessero accidentalmente cadere nel PC.

  1. Apertura del case del PC Chiudi Windows, spegni il PC e stacca il cavo di alimentazione dal case. A scopo cautelativo, a protezione dall'energia statica tocca un rubinetto o un termosifone. Apri il case del computer. A questo proposito, normalmente devi allentare le viti situate sul retro del case.

  2. Rimozione della vecchia scheda grafica La vecchia scheda grafica è riconoscibile dalla presenza del cavo che collega lo schermo. Stacca il cavo del monitor dalla scheda grafica. Se il monitor è collegato tramite una presa situata sulla scheda madre, finora il PC ha utilizzato un adattatore grafico onboard. In questo caso rimuovi la copertura situata sullo slot PCI Express per la scheda grafica. La figura riportata nel manuale della nuova scheda ti aiuta a individuare lo slot corretto. Prosegui quindi con il montaggio della nuova scheda (punto 3). Allenta la vite di fissaggio ed estrai con cautela la scheda grafica dal relativo slot.

  3. Inserimento della nuova scheda grafica Inserisci la nuova scheda grafica nello slot e fissala serrando le viti. Alcuni modelli necessitano di maggiore spazio. In questo caso, rimuovi per prima cosa la copertura dello slot vicino. Le schede grafiche più potenti necessitano il più delle volte di un'alimentazione separata tramite l'alimentatore del PC. Collega il cavo proveniente dall'alimentatore alla presa di corrente situata sulla scheda. Ricollega il case, inserisci il cavo elettrico e collega la nuova scheda grafica con il monitor. Il montaggio è terminato!

  4. Installazione di nuovi driver Accendi il PC. Di norma Windows riconosce la scheda grafica automaticamente. Per sfruttare appieno tutte le possibilità, è consigliabile installare il driver adeguato dal CD/DVD fornito. Se il tuo PC non dispone di un lettore ottico, puoi scaricare gratuitamente i driver da nVidia o AMD. Successivamente, degli online update manterranno il driver aggiornato.

Suggerimento:

se in un PC con grafica onboard il monitor rimane nero sulla nuova scheda grafica, devi disattivare l'adattatore integrato nel BIOS. Collega temporaneamente il monitor con la presa precedente. Premi quindi il tasto BIOS che compare brevemente sullo schermo dopo l'accensione del PC, il più delle volte Canc o F2. Cerca nel menu la voce relativa alla scheda onboard, disattiva l'opzione («disable») e memorizza le impostazioni.