1. Home
  2. Blog
  3. Guida
  4. Kaufberater Kaffeemaschine

Consulenza d'acquisto per macchine da caffè

Vuoi comprare una macchine da caffè, ma non vuoi perdere di vista la visione d'insieme con la varietà di modelli e di tipi? In questa consulenza d'acquisto ti mostriamo a cosa devi prestare attenzione prima di acquistare una nuova macchine da caffè e ti diciamo qual è la fotocamera più adatta a te.

La preparazione di specialità a base di caffè non è ormai più prerogativa esclusiva del barista sotto casa. Con una macchina da caffè ti porti a casa o in ufficio il piacere di un buon caffè. A seconda della dotazione, le macchine offrono numerosi programmi per la preparazione di caffè espresso, ristretto e café crème. Con il giusto modello è possibile ottenere anche latte macchiato, cappuccino, caffè Americano o lungo, caffè latte e café au lait. Questa consulenza d'acquisto ti aiuterà a trovare una macchina da caffè adatta alle tue esigenze e alle tue preferenze in fatto di caffè.

L'assortimento di macchine per la preparazione del caffè in casa è enorme, la decisione d'acquisto dipende dal budget, dalla varietà delle funzioni e dalle esigenze in termini di design e utilizzo. Nella scelta di una macchina del caffè adatta a te dovresti considerare già preventivamente alcuni aspetti, quali i costi d'acquisto e i costi relativi al consumo di caffè. È importante anche il tipo di caffè preferito che intendi preparare. Non tutte le macchine, infatti, riescono a preparare bevande a base di latte, quali cappuccino, café crème e caffè latte oppure «specialità esotiche» quali Americano, Black Eye e Long Black. Forniamo un elenco delle tipologie di macchine.

Macchine a capsule: il piacere del caffè in molte varianti

Una macchina a capsule ti permette di essere flessibile nella preparazione di un caffè per te, la tua famiglia e per gli ospiti. Con diversi tipi di capsule puoi variare l'intensità del caffè nonché l'aroma e preparare anche specialità a base di caffè quali latte macchiato, cappuccino e chai latte. I sistemi a capsule sono intuitivi nell'uso, l'inserimento delle capsule nonché il riempimento del serbatoio dell'acqua (removibile) sono operazioni facili. I modelli semplici puntano su pulsanti e manopole. Le macchine da caffè più sofisticate sono dotate di schermo touch per richiamare diversi programmi di caffè e per impostare quantità e temperatura dell'acqua. Oltre alle macchine in stile retrò esistono anche quelle dalle linee moderne.

Una macchina a capsule dovrebbe essere sempre pronta all'uso e avere quindi un posto fisso in cucina. Accanto a modelli particolarmente stretti con una larghezza inferiore a 10 cm, esistono anche esemplari più grandi dotati di montalatte, ampio serbatoio dell'acqua e una vasca di raccolta delle capsule di dimensioni generose, che necessitano di una superficie d'appoggio di circa 30 x 30 cm. Maggiori sono le dimensioni della macchina, maggiore è anche la capienza del serbatoio dell'acqua. Con un serbatoio di 0,5 l prepari circa 15 caffè espresso ovvero quattro caffè lunghi.

Con Nespresso, Dolce Gusto e Tassimo abbiamo tre sistemi a capsule popolari e concorrenti che non sono compatibili tra loro. Quando scegli un sistema dovresti tenere conto delle tue preferenze personali in fatto di caffè.

Nespresso: il sistema a capsule di Nestlé offre oltre alle specialità espresso e ristretto anche un caffè «normale», detto Lungo, per tazze più grandi nonché varianti decaffeinate. Le 30 variazioni circa di Nespresso si distinguono per gusto e intensità.

Dolce Gusto: le capsule proposte per queste macchine coprono anch'esse molte varietà di gusti e sono consigliabili per gli amanti di latte macchiato, cappuccino, chai latte o cacao. Oltre al caffè in polvere le capsule contengono già il latte in polvere, pertanto puoi rinunciare a un montalatte separato.

Tassimo: Anche il sistema a capsule di Jacobs Douwe Egberts è in grado di proporre una grande varietà di specialità a base di caffè. Le capsule monouso («T Discs») esistono in oltre 80 varietà di gusti. Anche chi non beve caffè troverà soddisfazione con una selezione di miscele a base di cacao. La preparazione inizia con quella della schiuma di latte con un'apposita capsula, poi segue il caffè desiderato.

Le capsule per i due sistemi Tassimo e Dolce Gusto sono disponibili in diverse varianti in molti supermercati e nel commercio online. Le capsule originali per le macchine Nespresso sono reperibili solo presso le boutique Nespresso in alcune grandi città e in numerosi Nespresso-Point nonché nell'online shop Nespresso.

Macchina a cialde: caffè appena fatto

I modelli a cialde funzionano in base a un principio simile a quello delle macchine a capsule: il caffè porzionato contenuto in bustine di tessuto non tessuto compostabili viene inserito mediante un supporto in un incavo della macchina aperta. Questa viene quindi chiusa e inizia il processo di erogazione. Di norma la preparazione di una tazza di caffè richiede circa 30 secondi, dopo l'accensione la macchina si riscalda in meno di un minuto.

Nei modelli più semplici puoi scegliere solamente tra una tazza grande o piccola. Un supporto più grande può contenere due cialde per un caffè più forte o la doppia quantità di caffè. Le macchine a cialde sono per lo più compatte e hanno un serbatoio dell'acqua amovibile con una capacità compresa tra 0,5 e 0,7 l, una quantità sufficiente per cinque/sei tazze di caffè. Le macchine a cialde più grandi e potenti consentono di impostare l'intensità del caffè e la quantità di acqua per ogni tazza.

Per quanto riguarda il caffè c'è un ampia scelta di tipi e miscele. Oltre al caffè (lungo) ed espresso sono proposte anche specialità a base di cacao e tè. Solo poche macchine a cialde sono adatte per gli amanti di specialità a base di latte e caffè. In abbinamento a un sistema montalatte è possibile preparare anche variazioni, quali caffè latte e cappuccino.

Macchina da caffè automatica: caffè fresco in molte variazioni con il semplice tocco di un pulsante

Le macchine completamente automatiche consentono di preparare un'ampia varietà di specialità a base di caffè e servono quasi tutte le varianti al semplice tocco di un pulsante. Gli apparecchi, facili da regolare, macinano i chicchi al momento nella quantità impostata prelevandoli dall'apposito contenitore. Alcune macchine sono persino dotate di due serbatoi separati per diversi tipi di chicchi, dal momento che il caffè espresso, ristretto, lungo e il latte macchiato vengono preparati con una miscela espresso più forte, mentre per il cappuccino, il café crème, caffè latte e café au lait sono consigliate miscele «Schümli» più morbide. Dopo la macinatura il caffè viene preparato ad alta pressione con la quantità di acqua desiderata e alla temperatura impostata ed erogato nella tazza.

Dal momento che le macchine automatiche preparano una tazza, ovvero una bevanda, alla volta, la tua bevanda calda ha sempre un aroma fresco e intenso. Grazie all'elevata pressione si crea la crema – il denso strato di schiuma di colore marrone dorato – tanto apprezzata dagli amanti del caffè. I fondi del caffè finiscono automaticamente in un contenitore separato, che deve essere svuotato di tanto in tanto. Se invece del café crème o dell'espresso preferisci una variante a base di latte, quali il cappuccino o il latte macchiato, la macchina si occupa anche di montare il latte e di riempire una tazza o un bicchiere di vetro con caffè, latte e schiuma nelle giuste proporzioni.

La scelta di una macchina automatica è dettata oltre che dalla dotazione, anche dai dati tecnici: il numero di Watt indicato dal costruttore è determinante per la potenza. Maggiore è la potenza, più rapido sarà il riscaldamento e quindi tutto il processo di preparazione. Per quanto riguarda l'intensità e l'aroma del caffè è importante la pressione con cui l'acqua attraversa il caffè in polvere. Generalmente, la maggior parte delle macchine da caffè automatiche operano con una pressione di 15 bar. A questo punto è decisiva anche la pressione a cui l'acqua arriva al gruppo erogatore. Per un aroma perfetto si considera valido un valore di 9 bar.

Nel caso di una macina completamente integrata nella macchina automatica, si distingue tra un macinacaffè a macine coniche e a dischi, questi sono per lo più in ceramica o in robusto acciaio inox. Né l'una né l'altra tecnologia influiscono sull'aroma del caffè preparato. Le macchine automatiche con macinacaffè integrato presentano rispetto alle macchine a capsule o a cialde l'inconveniente del livello di rumore più alto nella preparazione del caffè. A seconda dell'impostazione, il processo di macinazione può essere molto rumoroso e risultare fastidioso proprio nelle prime ore del mattino. È quindi positivo che la maggior parte delle macchine siano dotate di un serbatoio da cui prelevare il caffè già macinato per la preparazione. In quel caso il processo di macinatura viene meno.

Soprattutto nel caso in cui la macchina automatica sia utilizzata da più persone, risulta consigliabile un serbatoio dell'acqua con una grande capienza. In tal caso l'acqua è sufficiente per numerose tazze prima di doverlo riempire.

Grandi differenze sussistono tra i modelli per quanto riguarda il comando della macchina automatica tramite tasti, schermi touch e app per smartphone. In quest'ultimo caso la macchina del caffè è collegata tramite bluetooth allo smartphone. Risulta pratico, ad esempio, memorizzare nell'app il caffè preferito insieme a quantità, intensità e temperatura, per prepararlo al momento con i parametri desiderati premendo semplicemente un pulsante. In molte macchine automatiche è possibile modificare la quantità e l'intensità persino durante il processo di preparazione. Alcune macchine sono in grado di preparare anche contemporaneamente due tazze con l'ausilio di erogatori di caffè separati. Le macchine automatiche si distinguono anche per quanto riguarda le possibilità di impostazione e sistemi di ottimizzazione dell'aroma.

Un dispositivo di accensione e spegnimento automatico è generalmente utile e consente di predisporre l'accensione a una determinata ora e lo spegnimento dopo un determinato lasso di tempo dall'ultima erogazione oppure a un orario fisso. Questo consente un risparmio di energia e di norma si avvia un processo di risciacquo automatico.

Le macchine automatiche esistono anche nella versione a incasso diventando quindi un tutt'uno con la struttura frontale della cucina. I modelli particolarmente pratici sono dotati di allacciamento idrico fisso, che rende superfluo il rabbocco manuale dell'acqua. La dotazione e l'uso dei modelli da incasso corrispondono a quelli dei modelli da tavolo.

Macchina espresso: sulle tracce del barista

Nella macchina espresso prevale il lavoro manuale – proprio come un barista, dovrai fare tutto da solo: prima riempi il portafiltro con del caffè finemente macinato, lo comprimi quindi alla giusta pressione con l'aiuto del pressino e fai attraversare il filtro dalla quantità di acqua desiderata. La tipologia e la tostatura del caffè, insieme al grado di macinatura, determinano l'intensità e quindi anche l'aroma del caffè.

I veri intenditori acquistano il caffè in chicchi e lo macinano un attimo prima di preparare la bevanda. Più fine è la polvere, tanto più forte sarà il caffè. Allo stesso tempo però vengono rilasciate più sostanze amare. Con un grado di macinatura più grossolano aumenta l'acidità del caffè.

A seconda del chicco di caffè e della tostatura, la quantità ideale di polvere di caffè è di 6,6/7,2 g per 25 ml di espresso. Per i principianti nell'uso della preparazione manuale del caffè con la macchina espresso, si consiglia l'uso di una piccola bilancia per dosare la quantità di caffè con precisione. L'acqua riscaldata a 92 °C viene spinta con una pressione di 9 bar attraverso il filtro per circa 25 secondi. Il tipo particolare di preparazione a pressione consente di estrarre le sostanze contenute nel caffè. Nella tazza finisce quindi un espresso concentrato. Gli oli aromatici estratti dal caffè e l'acqua calda si uniscono in un'emulsione formando la caratteristica crema.

La macchina espresso classica offre solo poche possibilità di impostazione. Un interruttore avvia e termina il processo di preparazione. Un indicatore di temperatura meccanico informa se l'acqua presenta la giusta temperatura. Alcune macchine espresso sono dotate anche di una funzionalità per montare il latte e per l'erogazione di acqua calda per la preparazione del tè. In tal caso si tratta generalmente di una macchina dotata di due circuiti idrici e sistemi di riscaldamento separati. Per coloro che bevono esclusivamente espresso, si consigliano i modelli a circuito unico o macchine a termoblocco.

Molte macchine espresso si contraddistinguono per il loro design stravagante, i colori sgargianti e materiali di pregio. I modelli in acciaio inox sono facili da pulire e rappresentano un vero e proprio elemento di richiamo in cucina.

Il caffè come una volta: macchina da caffè a filtro, caffettiera da espresso, infusiera French Press

Accanto alle macchine automatiche, le macchine a capsule e a cialde e le macchine espresso esistono anche altri oggetti per la preparazione del caffè: macchine da caffè a filtro, caffettiere da espresso e infusiere French Press. Esse sono utilizzabili con qualsiasi tipo di caffè in polvere, acquistato già macinato oppure preparato in casa con un macinacaffè per un'esperienza di gusto più intensa.

Macchine da caffè a filtro:

Se preferisci un classico caffè filtro, si consiglia la macchina da caffè a filtro con caraffa in vetro o termica. In questo tipo di macchina l'acqua calda filtra per gravità attraverso la polvere di caffè posta in un filtro di carta. La preparazione lenta e delicata permette di estrarre dalla polvere di caffè un numero particolarmente elevato di aromi. Accanto ai modelli semplici ne esistono anche dotati di macinacaffè e macchine da caffè a filtro programmabili.

Caffettiera da espresso:

Se ami il tuo caffè nero e forte potrebbe interessarti anche la caffettiera da espresso. In questo metodo di preparazione particolarmente originale proveniente dall'Italia si utilizza una caffettiera ottagonale in alluminio («moka Bialetti») posizionata su una piastra elettrica o una fiamma aperta. La parte inferiore della caffettiera viene riempita di acqua fredda, il caffè macinato è posizionato sopra. Quando l'acqua bolle viene spinta a pressione attraverso la polvere di espresso. Ne risulta un caffè moka nerissimo dall'aroma intenso.

Infusiera French-Press:

Il French Press ha origine in Francia dov'è considerato il metodo tradizionale per la preparazione del caffè. Si tratta di un'infusiera a stantuffo in vetro o in metallo in cui viene versato il caffè in polvere e dell'acqua fatta precedentemente bollire. La temperatura ideale si aggira intorno a 96° C. Il caffè in polvere è costantemente a contatto con l'acqua, dopo circa quattro minuti lo stantuffo viene spinto con una pressione lenta e costante verso il basso, in modo da filtrare il liquido dalla polvere non sciolta. A quel punto il caffè è pronto da versare in una caffettiera o in una tazza.

La pulizia periodica della macchina del caffè è obbligatoria

I residui oleosi del caffè rendono amaro il caffè appena preparato. I residui di latte nelle tubature e sull'ugello rappresentano un terreno fertile per i batteri. Pertanto, a intervalli regolari la macchina del caffè deve essere pulita con cura e decalcificata in base alle prescrizioni del costruttore. È pratico quando nelle macchine automatiche pezzi quali il serbatoio dell'acqua e la vaschetta di scolo oppure i gruppi erogatori sono amovibili o estraibili. Alcuni pezzi sono lavabili anche in lavastoviglie – a questo proposito osservare assolutamente le istruzioni d'uso del costruttore.

Offrono invece un elevato confort le macchine da caffè con funzioni di pulizia automatiche per la decalcificazione e programmi per il risciacquo del tubo del latte e dell'ugello con acqua calda con il semplice tocco di un pulsante. Una funzione particolarmente pratica è l'avviso automatico che compare sul display e segnala la necessità di procedere a una pulizia. Alcuni modelli sono dotati di un serbatoio dell'acqua integrato che di tanto in tanto andrebbe sostituito. Tra l'altro la macchina segnala la sostituzione necessaria sul display. La cartuccia filtro riduce il rischio di incrostazioni di calcare prolungando la durata utile della macchina da caffè. L'acqua dolce migliora inoltre il sapore del caffè.

Conclusione:

Tutte fanno un buon caffè – ma tutto dipende dalle modalità e dalle esigenze

La gamma più alta di specialità a base di caffè è offerta dalla macchina automatica, dotata preferibilmente di un sistema per montare il latte. Il costo di acquisto comparativamente più alto di una macchina automatica è compensato dal prezzo del caffè per tazza decisamente più basso. Le maneggevoli macchine a capsule e a cialde costano solo una frazione di quanto costano le macchine automatiche e sono comode da usare, tuttavia i prezzi per porzione di caffè sono decisamente più alti di quelli della macchina automatica – per un caffè di qualità analoga si spende quattro/cinque volte di più. Le macchine espresso richiedono un po' più di tempo e dedizione, ma ti ricompensano con un espresso che difficilmente riesci a preparare con un'altra macchina. Se il tuo interesse è del tutto classico e diretto al caffè filtro e non hai fretta, per goderti ad esempio al mattino il primo caffè appena preparato, si consiglia una macchina da caffè a filtro con caraffa in vetro o termica.