Guida all'acquisto altoparlante Bluetooth

Vuoi comprare un altoparlante Bluetooth, ma non vuoi perdere di vista la visione d'insieme con la varietà di modelli e di tipi? In questa consulenza d'acquisto, ti mostriamo a cosa devi prestare attenzione prima di acquistare un nuovo altoparlante Bluetooth e ti diciamo quale altoparlante Bluetooth è più adatto a te.

La maggior parte degli altoparlanti Bluetooth sono compatti, leggeri e robusti, quindi prediletti per l'impiego mobile con uno smartphone o un tablet. Grazie a un comodo altoparlante Bluetooth con una batteria puoi goderti la tua musica preferita o un appassionante audiolibro, in qualsiasi posto ti trovi: tutto senza il fastidioso collegamento dei cavi e una fonte di energia nelle vicinanze. Può essere il soggiorno, la terrazza, la spiaggia, l'ufficio o una camera d'albergo. Oltre al prezzo, alla grandezza, al peso e al suono, anche l'aspetto della cassa svolge un ruolo importante nella decisione d'acquisto.

Puoi scegliere tra diversi stili (ad esempio retro o moderno) e tra diverse forme (ad esempio quadrato, quadrangolare, rotondo, a parallelepipedo o conico). Oltre al classico bianco o nero, la scocca è disponibile anche in colori variopinti e vivaci di diversi materiali. Così c'è sicuramente il modello adatto per ogni gusto.

Alcuni altoparlanti Bluetooth hanno in serbo fantastici extra e servono, ad esempio, come vivavoce per le telefonate da mobile o come stazione di ricarica per lo smartphone. Con alcuni produttori, puoi configurare due casse singole come coppia stereo per la riproduzione musicale in stereo con effetto tridimensionale. Il canale destro e sinistro vengono fatti risuonare da diversi altoparlanti.

Bluetooth per collegamenti senza fili tra smartphone e altoparlante

Sempre più dispositivi sono forniti di Bluetooth e possono quindi collegarsi l'uno all'altro e scambiare dati a brevi distanze di pochi metri. Il Bluetooth è uno standard industriale giù sviluppato negli anni '90 per la radiotrasmissione di dati di ogni tipo. A differenza della WLAN, il Bluetooth si specializza in connessioni particolarmente semplici, ad esempio tra smartphone e cuffie, altoparlanti o vivavoce in auto.

Perché l'iPhone o uno smartphone Android, ad esempio, possa riprodurre musica da un altoparlante Bluetooth, è necessario accoppiare i dispositivi («pairing»). Di norma, premi un pulsante sull'altoparlante e lasci che lo smartphone cerchi dispositivi con Bluetooth a portata. Se la cassa Bluetooth viene riconosciuta, basta un tocco del dito e la connessione è creata. Questo accoppiamento rimane anche dopo aver spento uno o entrambi i dispositivi e viene automaticamente attivato all'accensione successiva.

L'accoppiamento funziona in modo ancora più semplice grazie a NFC (Nearfield Communication), se questo è disponibile per i dispositivi coinvolti. È sufficiente tenere il cellulare con NFC sulla cassa per creare una connessione Bluetooth in pochi istanti e senza altre azioni. Se hai accoppiato gli altoparlanti una volta con lo smartphone, questi vengono successivamente riconosciuti in automatico e selezionati come dispositivo di uscita: non è quindi necessario un nuovo pairing.

Idealmente, smartphone e altoparlanti Bluetooth supportano le attuali versioni Bluetooth. Attualmente sono ampiamente diffusi Bluetooth 4.0 e le estensioni 4.1 e 4.2. Lo standard Bluetooth 5.0, adottato a giugno 2016, si impone sempre più. L'iPhone 8/8 Plus e l'iPhone X ne sono muniti di default, e anche il Samsung Galaxy S8. Tuttavia, anche se smartphone e altoparlante Bluetooth non possiedono l'ultimo standard Bluetooth o se hanno versioni diverse, di norma la connessione funziona senza problemi. La maggior parte dei dispositivi con la nuova versione Bluetooth sono compatibili con versioni precedenti: quindi, ad esempio, un iPhone 8 può collegarsi con un altoparlante Bluetooth che supporta solo il terzo standard.

La classe Bluetooth indica, tra l'altro, la portata radio, ossia la distanza teoricamente possibile tra il trasmittente (smartphone) e il ricevente (altoparlante Bluetooth). Nel caso di altoparlanti, le classi usuali sono 1 (100 metri) e 2 (10 metri). Negli edifici, le pareti e gli oggetti riducono la portata nella distanza di trasmissione, similmente alla WLAN.

Di norma, la maggior parte degli altoparlanti Bluetooth possono connettersi sempre solo con un dispositivo di riproduzione. Se desideri far ascoltare musica a turno da diversi smartphone con la tua famiglia o con i tuoi amici al lago o durante un barbecue tutti insieme, la connessione Bluetooth presente deve essere interrotta e bisogna crearne una nuova. A meno che l'altoparlante non possa collegarsi simultaneamente con più smartphone: in questo caso altri dispositivi possono riprodurre musica anche senza interrompere la connessione precedente.

In alternativa, alcuni altoparlanti Bluetooth presentano una funzione DJ o una modalità party che ti permette di controllare sul tuo smartphone, tramite un'app, da quale dispositivo ascoltare un titolo musicale. I cellulari nel raggio di portata non vengono accoppiati direttamente con l'altoparlante, ma con lo smartphone principale su cui è installata l'app.

Altoparlanti Bluetooth per il soggiorno

Lo scopo di utilizzo pensato delimita la scelta dell'altoparlante Bluetooth adatto a te. Se sarà usato esclusivamente in casa o in appartamento per diffondere l'audio in una stanza, allora peso, grandezza e durata della batteria sono piuttosto secondari. Sono invece in primo piano la prestazione con volume massimo e il design, che con materiali quali pelle, vetro, tessuto, legno, calcestruzzo e metallo può destare particolare attenzione.

Casse attive con Bluetooth come altoparlanti da mensola o verticali o come soundbar offrono un'elevata qualità del suono, che non è inferiore a modelli con filo. Questi altoparlanti Bluetooth, pesanti fino a 20 kg, non sono consigliabili o lo sono solo in misura limitata per il trasporto e per l'impiego all'esterno al lago. Inoltre, vi sono anche altoparlanti Bluetooth senza batteria integrata, che funzionano esclusivamente con una presa.

I sistemi multiroom con Bluetooth collegano altoparlanti interconnessi nell'appartamento o in casa a un unico grande sistema musicale. Sullo smartphone o sul tablet scegli qualche canzoni vuoi ascoltare e dove. Pop in cucina, successi in bagno e jazz nella stanza da lavoro: tutto possibile. Casse streaming si possono dividere e gestire individualmente in stanze o in zone come soggiorno, cucina, camera da letto o bagno. Basta riunire in un gruppo più altoparlanti per una riproduzione comune. La maggior parte delle casse multiroom vengono connesse le une alle altre senza cavi nella WLAN. Vi sono anche modelli con interfaccia di rete RJ 45 per collegamenti con filo. Oltre alla riproduzione da smartphone e tablet, alcuni altoparlanti Bluetooth supportano anche lo streaming diretto dal servizio musicale Spotify. Al contrario, solo pochi altoparlanti possono accedere ad altri servizi di streaming, quali Deezer, Apple Music, Google Play Music, Napster e TuneIn, direttamente tramite un dispositivo mobile.

Altoparlanti Bluetooth per uso outdoor

Se pensi di utilizzare gli altoparlanti Bluetooth principalmente durante attività nel tempo libero, allora dovresti scegliere un modello per outdoor adeguatamente robusto e allo stesso tempo maneggevole. Casse compatte di plastica con angoli rinforzati o gommati resistono anche a urti, scosse e persino a cadute dal tavolo, senza riportare danni. Con freddo o caldo estremo in spiaggia o in auto per diverse ore, gli altoparlanti Bluetooth puramente per uso esterno non hanno nessun problema.

Per un buon impiego all'aria aperta, presentano durate della batteria il possibile lunghe, misure compatte e un peso limitato. In viaggio ogni grammo in meno di peso è un'agevolazione, mentre un'elevata capacità della batteria provvede a un'indipendenza abbastanza lunga dalla rete elettrica.

Alcuni altoparlanti Bluetooth portatili hanno una pratica clip o un moschettone e si possono quindi fissare alla cintura, allo zaino o alla bicicletta. Cassi antischizzi e antipolvere sono particolarmente resistenti e, ad esempio, consigliabili per la piscina all'aperto e per la spiaggia. Sono adatti anche per il bagno, la piscina e la sauna. Altri modelli sono invece persino impermeabili secondo la norma IPX7 e possono funzionare addirittura sotto la doccia.

Buone casse tuttofare fanno inoltre una bella figura sia all'interno che all'esterno: i confini tra altoparlanti Bluetooth per l'impiego in casa e all'esterno sono labili. Alla fine decidi tu quale peso e quale grandezza sono accettabili per te da trasportare. Ad esempio, un piccolo altoparlante da 3 kg può essere collocato in casa in diversi luoghi, per una gita in bicicletta al lago, però, è troppo pesante.

Suggerimento: per un suono migliore, dovresti collocare un altoparlante Bluetooth portatile il più possibile ad altezza del capo nella tua direzione o sollevare leggermente la parte anteriore, così che il suono venga rilasciato inclinato verso l'alto.

Attualmente vanno di moda gli altoparlanti a 360 gradi. Mentre gli altoparlanti tradizionali rilasciano il suono in avanti in un raggio di circa 45-60 gradi, gli altoparlanti a 360 gradi forniscono un suono a tutto tondo. Trasmettono la musica in un cerchio, così chi ascolta riceve il suono sempre alla stessa potenza. In questo modo più persone, ad esempio in giardino o al lago, possono sedersi attorno alla cassa e ascoltare musica allo stesso volume e alla stessa qualità. I modelli a 360 gradi sono riconoscibili per la loro struttura rotonda o conica.

Far funzionare altoparlanti Bluetooth lontano dalla presa di corrente grazie alla batteria

Normalmente gli altoparlanti Bluetooth portatili possiedono una batteria. La durata nel quotidiano dipende, oltre alla capacità indicata in milliamperora (mAh), anche dal volume e dal tipo di musica che viene riprodotta. Nel caso di un audiolibro o di un concerto di musica classica, la batteria dura, secondo l'esperienza, più a lungo rispetto a pesanti canzoni heavy metal con bassi costantemente forti. La durata della batteria indicata dal produttore dichiara solitamente il valore massimo in condizioni ottimali. Di norma, la durata nel quotidiano è inferiore: freddo e caldo estremi influiscono su e riducono la durata della batteria. Altoparlanti Bluetooth piccoli e relativamente convenienti resistono solitamente tra le due e le cinque ore, modelli più grandi in media dalle sei alle dieci ore.

Le batterie vengono caricate di regola tramite un cavo Micro USB che viene collegato a un adattatore per la ricarica. Il vantaggio è che puoi caricare la batteria, con un adattatore adeguato, ad esempio anche in auto o con una powerbank, e quindi non hai bisogno di un alimentatore proprio. Indipendentemente dalla capacità della batteria, la carica completa degli altoparlanti Bluetooth dura dalle due alle quattro ore.

Altoparlanti Bluetooth speciali fungono anche da powerbank: hanno una porta USB per rifornire e caricare smartphone, tablet e fotocamere lontano da una presa di corrente.

Questi fattori influenzano la qualità del suono.

Per il potenziale di suono degli altoparlanti è determinante il volume della cassa: più grande è, meglio è. Inoltre, i moduli di altoparlanti utilizzati e la potenza di musica o in uscita in Watt (W) svolgono un ruolo importante. Altoparlanti Bluetooth con potenza fino a 5 W sono sufficienti solamente per diffondere l'audio in stanze molto piccole come il bagno a basso volume. Per stanze di piccole e medie dimensioni, la potenza dovrebbe essere di circa 20 W. Questi modelli tendono spesso, a volumi alti, a distorcere il suono durante la riproduzione, pertanto sono adatti a volumi da basso fino a medio. Solo da una potenza in uscita da 20 a 70 W gli altoparlanti Bluetooth sono adatti anche per l'impiego in ambienti più grandi. Per la diffusione del suono in spazi per le feste a volumi più alti, la potenza in uscita dovrebbe però essere superiore a 100 W. Sistemi audio a più vie particolarmente potenti offrono una potenza in uscita superiore a 400 W e integrano inoltre un grande subwoofer per bassi forti.

Extra per maggiore praticità di comando e per un utilizzo flessibile

Idealmente, un altoparlante Bluetooth viene collegato senza cavi con lo smartphone. Tuttavia, a seconda dell'impiego è utile una presa AUX, ad esempio se vuoi collegare computer, televisore o proiettore con la cassa come fonte di suono senza Bluetooth, tramite tradizionale jack da 3,5 mm. Se l'altoparlante Bluetooth permette l'inserimento di una scheda di memoria SD, è possibile riprodurre, ad esempio, canzoni e audiolibri salvati su questa direttamente dalla scheda. Un altro pratico extra è la radio incorporata FM, se vuoi ascoltare la radio ad esempio in bagno o in cucina.

Se l'altoparlante Bluetooth è accoppiato con lo smartphone e possiede la relativa funzione vivavoce, l'altoparlante può servire come vivavoce durante le telefonate. Per questo la cassa Bluetooth possiede un microfono incorporato che riceve le tue parole e le inoltra al cellulare.

Un altoparlante Bluetooth con un'app di gestione è oltremodo utile: così puoi, ad esempio, adeguare il volume e le caratteristiche del suono con lo smartphone, gestire le connessioni Bluetooth e caricare aggiornamenti firmware. A livello pratico, vi sono i profili di suono preimpostati e richiamabili, che possono accentuare le rispettive caratteristiche di diversi stili musicali, come classica, pop e rock o determinate situazioni ambientali. Se vuoi regolare tu stesso le impostazioni per bassi e alti, ricorda che è presente una funzione equalizer, direttamente sulla cassa o nell'app.

Un giochetto carino sono gli effetti visivi che si trovano soprattutto nelle casse «party». Grazie ai LED colorati sulla cassa, l'altoparlante offre, se lo si desidera, un piccolo show di luci, sempre adeguato alla musica. Considera però che gli effetti con le luci consumano energia e la batteria si scarica più velocemente.

Conclusione: gli altoparlanti Bluetooth sono buoni dispositivi tuttofare

La forza degli altoparlanti Bluetooth è la loro flessibilità. Quindi di mattina, ad esempio, ascolti la tua stazione radio preferita in bagno, durante il giorno l'altoparlante è in ufficio, sulla tua scrivania, e alla sera lo usi sul balcone. La maggior parte degli altoparlanti Bluetooth portatili offrono un buon compromesso tra prestazione, design, grandezza e peso. Centinaia di modelli sono in offerta, da piccoli altoparlanti fino a casse per feste ruotabili. Per l'impiego esclusivamente in casa, è sensato un altoparlante più grande con interfaccia Bluetooth, che provvede a un suono eccezionale con un corpo voluminoso. I sistemi multiroom diffondono il suono in più stanze e lo distribuiscono in tutta la casa.