Test: DJI Air 3

DJI lancia sul mercato l'Air 3, un drone video di classe amatoriale che è stato ampiamente riprogettato rispetto al suo predecessore, l'Air 2. Per ottenere un'immagine il più possibile rappresentativa della qualità video e fotografica del drone, il DJI Air 3 è stato fatto volare in diverse condizioni di luce e meteo. Il video è disponibile anche in questo articolo.

Prime impressioni e dati di riferimento

La novità più evidente dell'Air 3 è la fotocamera con due obiettivi separati con diverse lunghezze focali. Questo drone è anche più grande e più pesante. L'Air 3 pesa 720 g al decollo (595 g per l'Air 2). A prima vista, l'Air 3 ricorda un DJI Mavic.

Anche le prestazioni di volo sono state notevolmente migliorate sotto molti aspetti. DJI promette un tempo di volo massimo di 46 minuti a una velocità di 28,8 chilometri orari in assenza di vento. Solo i nostri test di volo ci diranno se questo è vero.

Con una sola carica della batteria, l'Air 3 può coprire una distanza massima di 32 chilometri. Naturalmente non si tratta della distanza dal pilota, ma del volo vero e proprio. Con un'altitudine massima di 6.000 metri al decollo, il drone può essere lanciato anche dalla maggior parte delle vette del mondo. Le temperature ambientali comprese tra -10 e +40°C non costituiscono un ostacolo per l'Air 3.

Air 3 può volare a una velocità massima del vento di 12 metri al secondo, ovvero circa 43 chilometri all'ora. Si tratta di prestazioni notevoli. Naturalmente, è lecito aspettarsi un'enorme riduzione dei tempi di volo.

Per quanto riguarda le finiture, non c'è nulla di cui lamentarsi, con l'eccezione delle leve dello stabilizzatore sul controller RC-N2, come sempre con DJI. Il meccanismo di stabilizzazione presenta un piccolo gioco in posizione neutra su entrambe le leve. Rispetto al controller RC DJI con schermo integrato, è purtroppo meno preciso. Ma questo non ostacola il pilotaggio.

Video: DJI Air 3

Imballaggio

Il kit comprende quanto segue:

  • Drone DJI Air 3.
  • Controller RC-N2 (senza display integrato) con sistema di trasmissione Ocusync4.
  • Cavo di connessione per il collegamento di uno smartphone (USB-C, Lightning e micro-USB).
  • Cavo di ricarica USB-C per il controller e le batterie del drone.
  • 6 eliche (3 per senso di rotazione).
  • Protezioni per gimbal e fotocamera.
  • Guida rapida

La consegna non comprende una borsa per il trasporto, ma può essere acquistata separatamente. In alternativa, è possibile utilizzare una borsa fotografica standard ben imbottita di dimensioni adeguate.

Iniziale installazione e preparazione al volo

Il fatto che il nostro kit non contenga il controller RC2, ma l'RC-N2 senza schermo, rende un po' più complicata la prima installazione e l'eventuale preparazione al volo. A ciò si aggiunge il fatto che lo smartphone non può essere utilizzato in alcun modo mentre il drone è in funzione. Per garantire la migliore qualità del segnale possibile, lo smartphone deve essere in modalità aereo. In caso contrario, la trasmissione del segnale tramite WLAN e Bluetooth sarà compromessa.

La prima cosa da fare è scaricare l'applicazione DJI Fly dal sito web di DJI. Purtroppo, l'applicazione non è ancora disponibile sul Google Play Store. Tuttavia, il download e l'installazione funzionano senza problemi anche dal sito web di DJI. L'applicazione è disponibile sull'App Store di Apple. Una volta installata l'applicazione, è necessario creare un account DJI per utilizzarla.

Il montaggio dello smartphone sul controller è ben risolto. Il cavo di collegamento è piacevolmente corto. Purtroppo, a seconda della posizione del pulsante di accensione/spegnimento dello smartphone, la staffa può entrare in contatto con un pulsante dello smartphone. Quando si monta lo smartphone, è necessario prestare attenzione alla posizione del dispositivo nel supporto.

Il controller e il drone vengono quindi attivati. All'avvio dell'applicazione è possibile impostarla in modo che si avvii sempre automaticamente all'accensione del controller DJI. A tal fine, lo smartphone deve essere collegato al controller tramite un cavo.

La prima cosa da fare è controllare nell'applicazione se il firmware del drone, il controller e il software Fly Safe sono aggiornati. Lo stato può essere visualizzato nella scheda "Info". Questo assicura che tutte le funzioni più recenti siano disponibili al primo volo. Allo stesso modo, è consigliabile accendere brevemente tutto il giorno prima di un volo e collegare lo smartphone. In questo modo è possibile verificare se è previsto un aggiornamento. Se a metà volo appare un messaggio di aggiornamento sullo schermo, questo può essere fastidioso a seconda della situazione.

Poiché l'Air 3 si pilota con la stessa applicazione di molti altri droni DJI, non ci sono grandi sorprese per quanto riguarda i controlli, le impostazioni della fotocamera e così via. Ciò che ora può essere controllato direttamente dallo schermo è la commutazione tra i due obiettivi. In modalità video, la commutazione può essere effettuata solo quando la registrazione viene interrotta.

Una volta che tutto è collegato e aggiornato, non c'è nulla che ostacoli i primi voli di prova. La prima cosa da fare è aprire i bracci del drone. Sfortunatamente, non funziona allo stesso modo del Mini 3 pro, qualunque sia l'ordine. È necessario aprire prima i bracci anteriori. Se l'ordine non viene rispettato, i bracci interferiscono l'uno con l'altro.

Rimuovere quindi il coperchio della telecamera e posizionare il drone su una superficie stabile e piana. Assicurarsi che nulla entri in contatto con lo stabilizzatore/alloggiamento della telecamera. In caso contrario, i motori dello stabilizzatore si riscaldano rapidamente e si sovraccaricano. Questo vale per tutti i motori.

Quando il drone è posizionato correttamente, accendere il controller e il drone. L'avvio, compreso il riconoscimento satellitare per la navigazione e la funzione Return-to-Home, richiede da 30 secondi a 2 minuti, a seconda delle condizioni meteorologiche (potenza del segnale satellitare).

Voli di prova

Il pulsante di avvio sullo schermo consente di utilizzare la funzione di avvio automatico. I motori si avviano e il drone si alza da solo fino a un'altezza di circa un metro. Rimane poi in posizione e mantiene la sua altezza finché non si inizia a far volare l'Air 3 utilizzando i joystick. È possibile anche il decollo manuale.

Le modalità di volo Cine, Normal e Sport offrono tutto ciò che serve, dal volo lento e preciso all'inseguimento veloce. La trasmissione delle immagini con lo smartphone è fluida e solo leggermente ritardata. Purtroppo, tutti gli smartphone sono notevolmente più scuri del controller RC DJI. Pertanto, a seconda delle condizioni di illuminazione, è difficile valutare correttamente le impostazioni di esposizione ottimali sullo schermo dello smartphone.

La stabilità del segnale del controller RC-N2 combinato con il sistema di trasmissione Ocusync4 è assolutamente convincente. Un netto miglioramento rispetto a tutti i sistemi di trasmissione precedenti.

A 81 dBA, il drone è chiaramente udibile a distanza ravvicinata. Ma non ci sono fastidiosi rumori ad alta frequenza. Quando vola ad alta velocità, l'Air 3 è praticamente sempre udibile.

Poiché durante il test non c'era praticamente vento, non c'è molto da dire sulla sua stabilità. Tutti i video del volo di prova sono perfettamente stabilizzati. Anche su schermi televisivi di grandi dimensioni non è visibile alcuna oscillazione.

Quando si vola di notte, il LED automatico sotto la fusoliera fornisce una fantastica assistenza quando il drone decolla e atterra. Il terreno è illuminato come alla luce del giorno e si può vedere esattamente dove il drone sta atterrando. Dopo il decollo, il LED si spegne automaticamente.

Durante il test, il tempo di volo indicava 30-35 minuti con il 20% di capacità residua della batteria. Le indicazioni di DJI si riferiscono a una batteria completamente scarica. Ciò significa una capacità residua dello 0%. Le indicazioni di DJI sono quindi vicine alla realtà.

Qualità video e foto

Ciò che rende l'Air 3 particolarmente interessante rispetto alla maggior parte dei droni DJI utilizzati finora sono le due lunghezze focali della doppia fotocamera. La fotocamera grandangolare da 24 millimetri corrisponde all'incirca alla lunghezza focale generalmente conosciuta finora dalle fotocamere dei droni DJI. La fotocamera con un teleobiettivo medio 3x da 70 millimetri consente nuovi approcci creativi ai video e alla fotografia. In modalità foto, lo zoom è particolarmente utile quando gli animali sono piuttosto lontani e non devono essere disturbati dal rumore del drone in volo.

In modalità video, è preferibile utilizzare entrambe le fotocamere per tutte le riprese. Durante il test, le registrazioni video hanno dato risultati sorprendentemente diversi a seconda dell'obiettivo scelto. Non si tratta solo dello zoom in sé, ma anche di immagini ed effetti più "profondi", difficili da descrivere. Ad esempio, l'orbita di un oggetto produce risultati molto diversi a seconda dell'obiettivo scelto. Per avere un'impressione migliore, basta guardare il video dimostrativo. Le immagini parlano da sole.

Quando si utilizza il teleobiettivo, abbiamo notato che è difficile orientarsi. Si ha l'impressione di essere molto più vicini agli oggetti. È un po' inquietante durante i primi voli. In ogni caso, consigliamo di attivare i sensori di ostacoli a 360°, soprattutto in modalità teleobiettivo. In questo modo, si possono evitare le collisioni con gli ostacoli nonostante la difficoltà di orientamento.

Conclusione

Il DJI Air 3 offre un valore aggiunto pressoché illimitato rispetto al suo predecessore Air 2. Tempo di volo, velocità, fotocamera, qualità del segnale, ecc. aprono nuovi orizzonti. La creatività è praticamente illimitata. Un punto importante sulla mini-serie DJI: poiché pesa più di 250 g, è necessario seguire un corso di formazione online e superare un esame corrispondente.

Senza formazione, il drone non può essere pilotato. La registrazione è obbligatoria per tutti i droni dotati di telecamera. Questo vale sia in Svizzera che in tutta l'UE. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito: https://www.safedroneflying.aero/it/

https://www.bazl.admin.ch/bazl/it/home/drohnen/uasgate.html

Dati tecnici

Dimensioni drone

  • Piegato: 207×100,5×91,1 mm (L×L×H)
  • Pronto al volo: 258,8×326×105,8 mm (L×L×H)

Portata secondo DJI

  • Paesi FCC 20km / Paesi CE (es. Svizzera e UE): 10km

Camere

  • Fotocamera grandangolare da 24 mm: CMOS da 1/1,3 pollici, pixel effettivi: 48 MP (FOV: 82°)
  • Fotocamera con teleobiettivo medio da 70 mm: CMOS da 1/1,3 pollici, pixel effettivi: 48 MP (FOV: 35°)
  • Angolo di ripresa verso il basso: 90° / verso l'alto: 60°.

Formati e risoluzioni foto/video Camera grandangolare da 24 mm

  • Formato video: MP4
  • H.264/H.265
  • 4K: 3840×2160@24/25/30/48/50/60/100*fps
  • FHD: 1920×1080@24/25/30/48/50/60/100*/200*fps
  • Registrazione verticale 2.7K: 1512×2688@24/25/30/48/50/60fps
  • Registrazione verticale FHD: 1080×1920@24/25/30/48/50/60fps

Teleobiettivo medio 3x da 70 millimetri

  • Formato video: MP4
  • H.264/H.265
  • 4K: 3840×2160@24/25/30/48/50/60/100*fps
  • FHD: 1920×1080@24/25/30/48/50/60/100*/200*fps
  • Registrazione verticale 2.7K: 1512×2688@24/25/30/48/50/60fps
  • Registrazione verticale FHD: 1080×1920@24/25/30/48/50/60fps

Batteria

  • 4S Li-Ion, 14,76V, 4241mAh
  • Si ricarica in 60-80 minuti con i caricatori DJI. Circa 2-4 ore con qualsiasi caricatore per smartphone.

Test: Fairphone 5

Fairphone ha lanciato la prima alternativa sostenibile per gli smartphone nel 2013 con il Fairphone 1. Ora i pionieri dell'ecosostenibilità hanno presentato il Fairphone 5. Lo abbiamo testato per voi.

Test: LEGO Technic Audi RS Q e-tron (42160)

Già prima del rilancio ufficiale ho potuto costruire il nuovo LEGO® Technic Audi RS Q e-tron. Il set è progettato per gli appassionati di Lego dai 10 anni in su. Con solo quattro fasi di costruzione, è un fantastico modello per principianti o un buon passatempo LEGO® Technic da esercitare di tanto in tanto, anche per i più anziani.

Newsletter microspot.ch

Iscriviti alla nostra newsletter e scopri le nostre offerte, azioni e novità settimanali.

Un'azienda del Gruppo Coop